Venerdì 31 Ott 2014 17:11:53
CONTATTI LOGINREGISTRATI
English Italiano
Testata
Egitto
Egitto
News - Cronaca

Egitto; assolto medico per i "test di verginità". Amnesty "sentenza, parodia della giustizia"

Italia redazione ilmediterraneo
Stampa PDF

20120311_ahmed-adel-1_-_editCAIRO- La sentenza di assoluzione sta già facendo discutere. Il processo che ha visto imputato il medico che lo scorso marzo aveva obbligato un gruppo di donne egiziane a fare “un test di verginità”, si è concluso con un’assoluzione che sta frammentando l’opinione pubblica. 
 

E’ una vicenda che sta già facendo molto discutere. Nemmeno le imputazioni di “atti indecenti in luogo pubblico” e “disobbedienza a ordini militari” hanno sortito l'effetto sperato dopo che è stata bocciata l'accusa iniziale di violenza sessuale. Buona parte dell’opinione pubblica concorda sul fatto che la sentenza potrebbe essere un preoccupante segnale di impunità per la Giunta militare, al potere dalla cacciata dell’ex presidente Hosni Mubarack. La denuncia dell’abuso era partita da una delle donne, Samira Ibrahim, che alla lettura della sentenza della Corte è scoppiata in lacrime.

 

Ancora una volta, i militari egiziani hanno voltato le spalle alle donne che, come Samira Ibrahim, hanno mostrato un enorme coraggio sfidando le istituzioni militari del paese", ha dichiarato Hassina Hadj Sahraoui, vicedirettrice del programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International. Secondo l’operatore di Amnesty la sentenza dell'11 marzo 2012 non è solo una “parodia della giustizia” ma è anche un'ulteriore conferma di quanto “sia necessario trasferire ai tribunali civili i casi di violazione dei diritti umani".
 

Amnesy International aveva raccolto la denuncia delle donne che avevano riferito di essere state picchiate, sottoposte a scariche elettriche, obbligate a denudarsi mentre i soldati le fotografavano e infine costrette a subire un “test di verginità”, sotto la minaccia di essere incriminate per prostituzione. L’organizzazione per i diritti umani ha chiesto ai militari egiziani di rispettare la decisione presa nel dicembre 2011 che aveva proibito i test di verginità e di garantire giustizia e riparazione alle donne che vi erano state sottoposte.

(Fonte foto: Ap) 


Lunedì 12 Marzo 2012